“Vendere il Made in italy in Russia” – Intervento di Caterina Horbatkova al Web Marketing Festival

Durante il Web Marketing Festival, importante, autorevole e seguitissimo evento che si è appena concluso a Rimini, Caterina Horbatkova di Esplorest ha dedicato gran parte del suo intervento per presentare ed evidenziare i principali strumenti e le strategie più vincenti per vendere il Made in Italy in Russia.

Una sala piena e molto attenta ha subito compreso che per un efficace web marketing orientato verso questi mercati è sicuramente importante conoscere sia gli strumenti oggi disponibili, sia la conoscenza tecnica che è a loro correlata.

È altrettanto vero che per vendere in Russia vanno considerati in primo luogo anche tutti quegli aspetti complementari e più strategici che ne preparano il terreno.

Essendo la Federazione Russa un territorio con un ampiezza di 11 mila kilometri, 11 diversi fusi orari e tante diversità culturali e religiose, non è ovviamente possibile considerarlo superficialmente come un unico mercato monolitico ed omogeneo.

Come infatti sottolineava Caterina Horbatkova, se è vero che una seria attività di web marketing deve tenere conto delle diversità dei potenziali target, a maggior ragione questo principio è ancor più valido quando ci si vuole approcciare ad un mercato così grande e diversificato come quello russo.

Diversità geografiche e culturali all'interno della Federazione Russa
Diversità geografiche e culturali all’interno della Federazione Russa

 

Il ruolo dei Social Network

Per poter meglio identificare i target più appropriati ed inclini all’acquisto di un determinato prodotto italiano, deve essere innanzitutto  essere effettuata una prima analisi di mercato.

L’utilizzo di vari Social network può risultare molto utile per ottenere i primi feedback, per poi in base a questi, impostare una strategia ancor più mirata.

L’attività Social per il mercato russo è da considerarsi comunque di primaria importanza.

Lo è per l’influenza che i Social possono esercitare sulla reputazione del vostro Brand, sulla formazione delle intenzioni di acquisto e (non ultimo per importanza), sulla fidelizzazione del cliente.

Per dare un’idea della diffusione e dell’utilizzo dei Social Network nella Federazione Russa vanno sicuramente considerati questi numeri:

  • Vkontakte: 50 milioni di utenti iscritti
  • Odnoklassniki: 40 milioni di utenti iscritti
  • Facebook: 24 milioni di utenti iscritti
  • Instagram: 13 milioni di utenti iscritti

 

Dal momento che ognuna delle piattaforme Social attualmente disponibili ha comunque una sua specificità, quelle con meno utenti iscritti possono tuttavia risultare per alcuni segmenti di mercato, molto interessanti.

Per motivi di tempo, l’accento è stato comunque posto sui Social network che si possono ritenere in generale più influenti, soprattutto il russo V kontakte e i “nostri” Facebook e Instagram.

Non a caso, hanno infatti suscitato particolare interesse e curiosità dei casi studio riguardanti attività nate quasi “per gioco” su Instagram, rivelatesi poi in breve tempo dei successi imprenditoriali inequivocabili.

Vendere in Russia con Instagram
Vendere in Russia con Instagram

 

Vendere il Made in Italy in Russia, direttamente grazie al web

Se in Russia questa incredibile ricettività alla comunicazione tramite il web ha questa forza, è chiaro che per un piccolo o medio imprenditore italiano questo fatto deve essere visto come una vera opportunità.

In un contesto di stagnazione interna e di una crisi (soprattutto italiana) ormai “perpetua” questa è infatti una possibilità concreta per poter espandersi in un mercato che (senza aiuto di intermediari) in passato era considerato quasi impossibile raggiungere.

Per il fatto che anche in questo grande paese le persone sono sempre più “connesse”, vendere il Made in Italy in Russia (60 milioni di persone collegate al giorno) significa semplicemente poter arrivare direttamente ad ogni vostro singolo potenziale cliente.

Coniugando quindi una competenza tecnica sull’uso degli strumenti web più adeguati ad una ben pianificata strategia, è possibile comunicare, vendere e fidelizzare clienti russi direttamente come non era sicuramente possibile anche solo 10 anni fa.

Come il concetto ispiratore di Esplorest insegna, mercati lontani sono ora molto più vicini, e questo grazie soprattutto al web che (nel bene e nel male) accorcia le distanze, ci accumuna e ci unisce tutti.

 Caterina Horbatkova di Esplorest (in sala e-commerce al Wmf di Rimini)

Caterina Horbatkova di Esplorest (in sala e-commerce al Wmf di Rimini)

 

Perchè il Made in Italy ha una marcia in più

Se è vero che la bandiera italiana non è più molto di “moda” tra gli italiani, lo è invece ancora molto per il popolo russo, che con entusiasmo la identifica con noi, come simbolo di qualità, cultura, gusto e stile.

Questa percezione di valore per tutto quello che è “Italianità”, rappresenta un potenziale che in gran parte è ancora inespresso e quindi ancora più prezioso.

Perchè?

Perchè oggi e solo oggi, grazie alla rete e a tutti gli strumenti attualmente disponibili, un aspirante cliente della Federazione Russa può conoscervi, interessarsi al vostro prodotto ed acquistarlo con pochi click.

Tutto ciò oggi è possibile, e lo è unicamente per il continuo progresso delle nuove tecnologie di comunicazione e la crescente propensione delle persone ad usarle..

Per nessun altro motivo.

Questo è quindi l’attuale scenario (non privo di sfide) che si presenta di fonte a noi, permettendoci l’espansione verso questi mercati con una metodologia e con una prospettiva completamente nuova.

 

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”.  (Cit. Marcel Proust)

Do svidaniya!

 

Sandro Morri

Condividi questo articolo su
Share:

Lascia un commento